Le alternative all’Unione Europea: chiacchiere versus soluzioni

Oggi a Napoli si terrà un meeting con l’ex ministro dell’economia greco Varoufakis e il sindaco De Magistris. Obiettivo dichiarato quello di mettere in campo una opzione politica per le prossime elezioni europee. Ma l’opzione di Varoufakis tutto è tranne che una soluzione capace di produrre cambiamento. E’ la sostanziale riproposizione di una negoziazione con la troika europea per alleviare gli eccessi dell’austerità. Una strada che, da ministro, Varoufakis ha provato a praticare ma che per sua stessa ammissione si è rivelata impraticabile di fronte alla rigidità degli interlocutori e dei vincoli imposti dai trattati.

Riteniamo questo approccio e questa soluzione non solo impraticabile ma fuorviante. Del resto il progetto di Varoufakis in Europa ha raccolto ben poca roba in termini di forze, basti pensare che per la Francia c’è Hamon, il leader del Partito Socialista ridotto ormai ai minimi termini.

Il problema infatti non sono solo i contenuti ma la realtà concreta. Le esperienze dimostrano che la struttura dei trattati europei non è riformabile (se non per decisione degli Stati più forti come Germania e Francia).

La rottura dell’Unione Europea esistente – con la disdetta dei Trattati sottoscritti da Maastricht in poi – è possibile costruendo una alleanza nell’area euromediterranea come alternativa praticabile.

E’ questo sostanzialmente il Piano B che è stato messo in campo da France Insoumise e da Jean Luc Melenchon e che sta vedendo convergenze e interessi crescenti in Grecia, Spagna, Italia, ma anche in alcuni paesi del Maghreb.

Per facilitare l’informazione e la discussione ripubblichiamo qui di seguito il Piano B elaborato da France Insoumise.

Non è esattamente la posizione di Eurostop e ne discuteremo più approfonditamente anche con le forze nel resto d’Europa. Ma è indubbiamente e una posizione molto più avanzata e realistica di quelle che girano qui in Italia – e che Varoufakis e De Magistris stanno veicolando nella cosiddetta “sinistra radicale”, inclusi settori del “movimento antagonista”.

Il link del Piano B in italiano: https://franceinsoumiseinfo.wordpress.com/programmi/laec/

Share