Catania. Eurostop con i palestinesi, stop al Giro d’Italia

Eurostop aderisce al Primo Maggio internazionalista a Catania per la Palestina e per il diritto dei popoli all’autodeterminazione

Mentre aumentano di giorno in giorno le vittime palestinesi nel confine di Gaza, mentre lo stato d’Israele bombarda con i missili Cruise una base iraniana in Siria, mentre in Siria continua la mattanza dei civili, mentre decollano dalla base NATO di Sigonella, verso la Siria, aerei USA da guerra, mentre il mar Mediterraneo è una immensa distesa di navi da guerra che si fronteggiano, mentre USA, Francia e Gran Bretagna attaccano con i missili la Siria, in Israele l’azienda israeliana “Comtec Group” continua i preparativi per la partenza del “GIRO D’ITALIA 2018” , presentando Gerusalemme come la capitale dello stato d’Israele. Gli stessi organizzatori della corsa, gli italiani della “RCS MediaGroup” – La Gazzetta dello Sport, Corriere della sera e La7- e il CONI, con il sostegno del governo Gentiloni, nonostante quello che sta accadendo da Gaza alla Siria, non hanno espresso alcun ripensamento su questa partenza, rendondosi complici di tutto quello che lo Stato sionista compie nei confronti del popolo palestinese, come la strage iniziata il 30 marzo dai cecchini sionisti, e incuranti della pericolosa situazione creatasi nel Mediterraneo, con la Sicilia vera e propria enorme portaerei della NATO e degli USA.
In contrasto alla partenza del “Giro” da Gerusalemme, in sostegno alla lotta del popolo palestinese e di tutti i popoli impegnati nella lotta contro l’imperialismo, EUROSTOP aderisce all’APPELLO della Federazione del Sociale USB Catania rivolto a tutte le forze antimperialiste e antifasciste per dare vita a Catania, la città che ospiterà la quarta tappa del “GIRO” dopo le prime tre tappe svolte in Israele, al “PRIMO MAGGIO INTERNAZIONALISTA A CATANIA PER LA PALESTINA E PER IL DIRITTO DEI POPOLI ALL’AUTODETERMINAZIONE”.

VIA IL GIRO D’ITALIA DA ISRAELE!
NON MACCHIATE DI SANGUE PALESTINESE LA “MAGLIA ROSA”.

Share