Il 20 ottobre tutti in piazza per le nazionalizzazioni

Forse alcuni esponenti di governo, presi dal vortice delle parole, dei tweet, dei post, dei selfvideo etc., non si sono resi conto in questi mesi di aver sdoganato una parola ed un tema che per almeno venticinque anni era stato rimosso e combattuto dai governi  precedenti: le nazionalizzazioni.

Il crollo del ponte Morandi a Genova e l’aver scoperchiato il verminaio sulle concessioni ai privati dei beni pubblici, hanno obiettivamente depotenziato la sbornia privatizzatrice e ultraliberista che ha portato alla svendita e alla regalìa “dei servizi e dei beni di tutti” ai prenditori privati.

Intorno all’appello “Nazionalizzare, qui ed ora!”, sindacalisti, giuristi, esponenti politici e attivisti sociali hanno dato appuntamento a Roma il prossimo 20 ottobre per una manifestazione nazionale.

“Il vergognoso abbandono che avvolge i paesi del terremoto, lo stallo nelle grandi vertenze ILVA e Alitalia, il degrado della rete autostradale, la devastazione dei servizi pubblici e dei territori, impongono ormai scelte immediate e decisive” è scritto nell’appello. Ma in esse viene anche indicata, finalmente non il solito NO, ma la soluzione possibile: “La strada delle nazionalizzazioni, che porti con sé anche una nuova e diversa concezione del modello di sviluppo, che preveda partecipazione delle comunità e controllo popolare, salvaguardia del territorio, del bene comune, del lavoro NON ammette più ritardi, né tentennamenti da parte di questo governo”. Da qui l’appello a procedere alle nazionalizzazioni qui ed ora, come atto concreto e controtendenza rispetto ai diktat imposti negli anni da quel “ce lo chiede l’Europa” che è stata la maledizione di questo e di altri paesi periferici europei.

La manifestazione del 20 ottobre punta a rimettere al centro dell’agenda politica il ruolo del soggetto pubblico  – a livello nazionale e a livello locale – nella pianificazione e nella piena gestione dei servizi strategici e dei servizi sociali, mettendo fine a quella privatizzazione vergognosa che ha smantellato le reti dei servizi nei trasporti, telecomunicazioni, energia, le industrie utili, il welfare, le università… e tutte le banche, dalla Banca d’Italia alle vecchie Bin (Banche di Interesse Nazionale) per finire alla Cassa Depositi e Prestiti in cui le fondazioni bancarie private la fanno da padrone (anche sul risparmio degli utenti). Ma la privatizzazione ha anche significato consegnare mani e piedi l’acqua, i territori, il patrimonio abitativo e l’ambiente agli speculatori privati che ne hanno fatto una sistematica devastazione e profitto, potendo contare su istituzioni apertamente complici o rese impotenti.

In questi venticinque anni c’è stata una svendita sistematica e colossale del paese (l’Italia ha privatizzato più della Gran Bretagna thatcheriana e più di qualsiasi altro paese europeo). Operata sia dai governi di centro-sinistra che di centro-destra, che hanno assicurato concessioni ai privati con clausole capestro che prevedono “l’obbligo e la remunerazione del capitale investito” sulla pelle degli utenti e degli abitanti.

Il dramma di Genova per molti versi ha strappato il velo su questa vergogna, indicando sia una contraddizione esplosa tra i piedi delle diverse forze che compongono il governo, sia la possibilità di rimettere in campo una proposta per tutto il paese di rovesciamento dei parametri sui quali fino ad oggi sono state obbligate tutte le soluzioni.

Sull’appello per le nazionalizzazioni si segnalano le firme di Paolo Maddalena, vicepresidente emerito della Corte Costituzionale, di sindacalisti come Pierpaolo Leonardi o Guido Lutrario, di esponenti politici come Giorgio Cremaschi e Viola Carofalo di Potere al Popolo, dell’europarlamentare del Prc Eleonora Forenza, del deputato di Sinistra Italiana Stefano Fassina di economisti e accademici come Luciano Vasapollo, Ernesto Screpanti, Carlo Cellamare e ma anche dei rappresentanti sindacali di realtà significative come Ilva (Francesco Rizzo) e Alitalia (Francesco Staccioli) che hanno sostenuto, e continuano a sostenere, quella della nazionalizzazione come la soluzione più credibile sia per i lavoratori che per le ripercussioni sull’ambiente e la popolazione a Taranto o sul servizio di trasporto aereo.

Sull’appello per la manifestazione del 20 ottobre, oltre le adesioni personali, ora si stanno raccogliendo anche le adesioni politiche delle organizzazioni e delle realtà collettive. Le adesioni vanno inviate a nazionalizzareora@gmail.com

IL TESTO DELL’APPELLO E I PRIMI FIRMATARI

NAZIONALIZZARE, QUI ED ORA!
L’appello per una manifestazione nazionale il 20 ottobre a Roma.

Il crollo del ponte Morandi a Genova, con il suo tragico bilancio di vite umane, ha mostrato a tutti quanto esaltare le privatizzazioni servisse a coprire un unico vero scopo: far realizzare immensi profitti a poche famiglie del capitalismo italiano, a scapito della sicurezza collettiva, delle nostre finanze,e dei posti di lavoro. Autostrade, ILVA, Alitalia, Telecom, solo per citare i casi più famosi: migliaia e migliaia di esuberi, aziende portate al fallimento.

Genova dimostra, più che simbolicamente, quanto lo slogan “privato è bello”, così in voga dai primi anni ‘90 in poi e declinato da tutti i governi che da allora si sono succeduti alla guida del nostro paese, sia stata una vera e propria truffa, perpetrata ai danni della collettività. Come lo sono del resto tutte le cosiddette grandi opere, dal ponte di Messina al TAV al TAP, solo per citarne alcune tra le più inutili e dannose, agognate dai padroni del cemento e sollecitate dall’Unione Europea che ha fatto delle privatizzazioni uno dei suoi mantra più importanti.

Il vergognoso abbandono che avvolge i paesi del terremoto, lo stallo nelle grandi vertenze ILVA e Alitalia, il degrado della rete autostradale, la devastazione dei servizi pubblici e dei territori, impongono ormai scelte immediate e decisive.

La strada delle nazionalizzazioni, che porti con sé anche una nuova e diversa concezione del modello di sviluppo, che preveda partecipazione delle comunità e controllo popolare, salvaguardia del territorio, del bene comune, del lavoro NON ammette più ritardi, né tentennamenti da parte di questo governo. Governo di cui fa parte una forza come la Lega che in passato ha sottoscritto concessioni e, come tutti gli altri partiti, ha preso soldi da Autostrade, votando come gli altri il decreto Salva-Benetton e che oggi, non a caso, frena sulle ipotesi di ripubblicizzazione del settore.

Occorre quindi mobilitarsi perché la richiesta di nazionalizzazione che è venuta dal basso e che è stata populisticamente evocata dal Governo, sia effettivamente esaudita, per rimettere in campo, qui ed ora, il rilancio del lavoro pubblico come rilancio dei servizi sociali a partire da sanità, istruzione, abitazioni, del carattere pubblico dell’acqua, per sottrarli agli appetiti dei privati e degli speculatori, con un piano di finanziamento, assunzioni e di reinternalizzazioni che porti al superamento del precariato.

Per questo rivolgiamo un appello a tutte le forze sociali, politiche, ai comitati dei territori, alle lavoratrici e ai lavoratori, alle/ai precarie/i, per costruire insieme entro settembre un’assemblea nazionale a Genova e una grande manifestazione il 20 Ottobre a Roma.

Per difendere il territorio, i servizi, la salute, il lavoro, per fare sentire la voce di chi in questi anni di crisi ha pagato tutto con aumento dello sfruttamento, delle tariffe, dell’inquinamento.

NAZIONALIZZARE QUI ED ORA!

Un appello per costruire la mobilitazione di ottobre

4 settembre 2018

Primi firmatari:

Sergio Cararo – Eurostop

Viola Carofalo – Potere al Popolo

Mauro Casadio – Eurostop

Giorgio Cremaschi Potere al Popolo

Nicoletta Dosio – No TAV

Eleonora Forenza – Eurodeputata Prc – Potere al Popolo!

Carlotta Guaragna As.I.A. USB – Torino

Pierpaolo Leonardi USB

Guido Lutrario Federazione del Sociale USB

Daniela Mencarelli USB Pubblico Impiego

Maria Vittoria Molinari As.I.A. USB – Roma

Francesco Piccioni Contropiano

Salvatore Prinzi ex OPG

Francesco Rizzo USB ILVA

Luciano Staccioli, Usb Alitalia

Ernesto Screpanti, economista

Mauro Alboresi – PCI

Luciano Vasapollo vicerettore La Sapienza

Carlo Cellamare, docente La Sapienza

Marta Collot , Noi Restiamo Bologna

Maria Antonietta Di Cello – Potere al Popolo Lamezia Terme

Roberto Musacchio Altra Europa – Potere al Popolo

Carolina zorzella. Noi restiamo Bologna

Viola negro, Noi restiamo Torino

Marina Boscaino LIP – Potere al Popolo

Giulia Livieri, noi restiamo Roma

Carla Corsetti – Democrazia Atea

Franco Russo – Forum diritti Lavoro

Beatrice Gamberini, Noi restiamo Roma

Francesco della Croce – PCI

Gianmarco Bucciarelli, csoa Intifada Roma

Paolo Maddalena, vicepresidente emerito Corte Costituzionale

Stefano Fassina, deputato SI, Patria e Costituzione

Valerio Tellenio- Federazione dei comunisti anarchici- Fano

Roberto Pardini Genova city strike

Alessandra Perrotta- Usb- Genova

Francesco Leonelli – Potere al Popolo

Emanuele Salvati USB Terni

Nico Vox, Eurostop, Milano

Share