Decisioni finali dell’assemblea di Eurostop del 26 marzo

L’assemblea nazionale di Eurostop si è tenuta a Roma il 26 marzo, all’indomani di una manifestazione nazionale conquistata giorno per giorno e metro per metro, che ha visto finalmente e pubblicamente i contenuti di un percorso di rottura della e con l’Unione Europea, l’Eurozona e la Nato. Nella discussione ci sono stati ben 21 interventi. Unanime la valutazione positiva della manifestazione, anche se vanno denunciati l’impressionante apparato poliziesco, che ha assediato la città e il corteo, ed i provvedimenti repressivi che hanno colpito gli attivisti provenienti dalla Val di Susa e dal Veneto dopo essere stati trattenuti dalla polizia tutto il giorno.

Continua la lettura di Decisioni finali dell’assemblea di Eurostop del 26 marzo

SOLIDARIETA’ A NICOLETTA DOSIO ED AGLI ATTIVISTI NOTAV CONDANNATI DAL TRIBUNALE DI TORINO DALLA PIATTAFORMA SOCIALE EUROSTOP

Stamattina il tribunale di Torino ha condannato Nicoletta Dosio a due anni di reclusione, insieme ad altri 11 attivisti del movimento No Tav, per aver presidiato il casello di Avigliana dell’autostrada A32 lasciando passare gli automobilisti senza pagare il pedaggio. Dopo l’intervento poliziesco sulla manifestazione di sabato 25 marzo con l’intento di far degenerare la manifestazione contro la UE si conferma la linea del “Terrorismo di Stato” come strumento principale per bloccare le lotte. Eurostop esprime tutta la sua solidarietà agli attivisti condannati e conferma tutta la propria determinazione nel contrastare la repressione e per continuare la mobilitazione contro una UE nemica dei popoli.

COMUNICATO STAMPA DI EUROSTOP SULLA MANIFESTAZIONE DEL 25 MARZO

Eurostop esprime soddisfazione per l’ottima riuscita della manifestazione del 25 marzo contro il vertice dell’Unione Europea, manifestazione promossa a movimenti territoriali e studenti in lotta. Per la prima volta nel paese è emersa chiara e forte la posizione di chi ritiene ormai irriformabile e regressiva la gabbia costituita da Unione Europea, moneta unica e Nato. Se c’è una possibilità di cambiamento politico, sociale, democratico, essa non può che darsi fuori da questa gabbia.

Continua la lettura di COMUNICATO STAMPA DI EUROSTOP SULLA MANIFESTAZIONE DEL 25 MARZO

Spunti per la discussione di Eurostop

di Mimmo Porcaro, Ugo Boghetta

1

E’ comprensibile che all’interno di Eurostop si ponga un problema di identità. I sacrosanti “tre no”, all’Unione europea, all’euro ed alla Nato, non dicono, ovviamente, nulla di “positivo”: noi diamo per scontato che essi siano un mezzo per attuare i nostri scopi generali, e ciò è indiscutibile, ma la presenza di altre forze che, in un modo o nell’altro, propongono in tutto o in parte gli stessi “no” ci impone di definire meglio i nostri scopi e i nostri mezzi. Oltretutto Eurostop si trova, obiettivamente e per scelta, al centro di una rete di relazioni tra forze eterogenee che vanno, per intenderci, dall’area dell’antagonismo al costituzionalismo moderato. La cosa è assolutamente positiva, è un indizio del fatto che abbiamo individuato problemi reali e avvertiti da molti: ma anch’essa impone una chiarificazione, alla quale, qui sotto, cerchiamo di contribuire, alternando spunti politici e teorici.

Continua la lettura di Spunti per la discussione di Eurostop

AGLI ABITANTI DI TESTACCIO LA MANIFESTAZIONE DI SABATO 25 MARZO E’ POPOLARE E PACIFICA

Sabato pomeriggio una manifestazione popolare, sindacale, democratica sfilerà anche per le strade di Testaccio per protestare contro il vertice dei capi di stato dell’Unione Europea a Roma.

Nessuna organizzazione che ha promosso la manifestazione intende causare danneggiamenti o disagi agli abitanti di un quartiere storico, popolare e democratico come Testaccio. Nessuno può pensare di creare problemi in un quartiere che rappresenta una storia importante per Roma, per quello che ha rappresentato per la Resistenza antifascista, per le lotte per i diritti dei lavoratori e della città stessa.

Invitiamo gli abitanti di Testaccio invece a essere attenti e solidali con la manifestazione di Eurostop di sabato 25 marzo. La manifestazione esprime il ripudio per le politiche dell’Unione Europea che hanno provocato disoccupazione, tagli ai servizi sociali, chiusura di tanti posti di lavoro, attacchi alla stessa Costituzione. Un esempio tra tutti è l’assurda Direttiva europea Bolkestein che si accanisce addirittura sui mercati rionali. Gli stessi governi europei adesso intendono aumentare le spese militari, tagliando i fondi per sanità, pensioni, scuola, lavoro.

Invitiamo gli abitanti di Testaccio a guardare con curiosità e attenzione ad una manifestazione pacifica e popolare che esprime invece la difesa degli interessi dei lavoratori e dei disoccupati, dei giovani e dei pensionati, dei diritti e della Costituzione chiedendo l’uscita del nostro paese dall’Unione Europea delle banche, dei padroni e delle guerre.

Eurostop

Eurostop.info

25 marzo, una sfida tutta politica a Ue, euro e Nato

Il 25 marzo a Roma si renderanno esplicite tutte le opzioni in campo sul futuro del nostro e degli altri paesi europei.

Nel vertice dei capi di stato dell’Unione Europea si comincerà a concretizzare la cosiddetta “Europa a due velocità”, un eufemismo usato per nascondere una sostanza ben peggiore.

Continua la lettura di 25 marzo, una sfida tutta politica a Ue, euro e Nato

Quattro “campi” per l’identità di Eurostop

Oggi ad inizio 2017 siamo di fronte ad una ripresa dell’intervento di Eurostop, impostato nell’assemblea del 28 Gennaio, che non si vuole limitare alla promozione di pur importanti iniziative ma costruire uno strumento politico unitario credibile e stabile nel contesto nazionale. Un obiettivo che non sappiamo ancora che forme e che esiti potrà avere ma che è un risultato del nostro lavoro collettivo svolto nella fase referendaria con le mobilitazioni del 21 e 22 Ottobre ma soprattutto con l’esito referendario che ha avallato appieno la nostra analisi e posizione sul No Sociale.

Continua la lettura di Quattro “campi” per l’identità di Eurostop