El Plan B. Entrevista Con Oskar Lafontaine

Oskar Lafontaine (Sarre, Alemania, 1943) ya no es diputado ni presidente de Die Linke. Pero sigue en activo, y es uno de los impulsores de la  campaña Por un plan B en Europa, lanzada por el líder del Parti de Gauche francés, Jean-Luc Mélenchon, junto al exministro de Finanzas griego Yanis Varufakis y la expresidenta del parlamento heleno Zoe Konstantopoulou –candidata ahora de Unidad Popular– y el italiano Stefano Fassina –Partido Democrático, exviceministro de Economía–.

El debate en torno a un plan B para Europa crece desde el 13 de julio en partidos de izquierdas, si bien no termina de prender en los electorados en su versión más extrema: la de la salida inmediata del euro. En Grecia, Syriza revalidó su victoria y la Unidad Popular logró un 2,8% y el KKE, un 5,4%; y en Portugal este domingo el PCP se quedó por debajo del Bloco de Esquerda, que no está por la salida del euro.

Continua la lettura di El Plan B. Entrevista Con Oskar Lafontaine

Share

A tutte le organizzazioni che rifiutano la guerra,  gli interventi militari del governo italiano, Il mercato delle armi.

Carissime carissimi,

Il 16 gennaio 2016 saranno esattamente 25 anni dai primi bombardamenti USA nella prima guerra d’Iraq, con i quali si è dato avvio a quella terza guerra mondiale a pezzi di cui ha parlato Papa Francesco. Questa guerra giustificata per ripristinare il diritto e combattere il terrorismo si è invece alimentata di se stessa trascinando tutto il mondo in un piano inclinato che non pare avere fine. La guerra non è la risposta al terrorismo, ma lo alimenta, come gli sporchi affari, i conflitti di potenza, la vendita delle armi che fanno crescere i conflitti su se stessi.

Continua la lettura di A tutte le organizzazioni che rifiutano la guerra,  gli interventi militari del governo italiano, Il mercato delle armi.

Share

Piattaforma Sociale Eurostop. Si procede

La prima assemblea nazionale della Piattaforma Sociale Eurostop tenutasi a Roma sabato 21 novembre, è stata un risultato importante e incoraggiante, ma per consolidare gli obiettivi  e rispettare le molte aspettative emerse, occorre procedere sul piano della stabilità organizzativa e delle iniziative annunciate.

Un movimento di massa – politico e sociale – che rimetta radicalmente in discussione l’adesione dell’Italia all’Unione Europea, all’euro e alla Nato, ossia ai vincoli esterni che stanno trascinando il nostro e gli altri  paesi europei nella povertà, nella guerra e nell’autoritarismo, è il segno distintivo e discriminante della Piattaforma Sociale Eurostop. Sulla base di questi obiettivi procederemo sul percorso indicato dall’assemblea nella nostra azione politica, sociale, sindacale, culturale, sia autonomamente che unitariamente nelle occasioni di convergenza con altre forze della sinistra e dei movimenti sociali che hanno su questi punti posizione diverse dalle nostre.

Continua la lettura di Piattaforma Sociale Eurostop. Si procede

Share

Un nuovo sonoro NO dal popolo danese all’Unione Europea

E’ stata una vittoria del popolo contro la classe dominante e l’establishment dell’Unione Europea,  dal momento che i danesi hanno manifestato il 3 dicembre 2015 un sonoro all’integrazione sovranazionale.

Questo significa che la Danimarca non farà automaticamente parte dell’Europol sovranazionale e la legislazione sugli affari penali e civili rimarrà nelle mani del parlamento danese.

Il 53,1% dei votanti ha detto NO, il 46,9% ha detto SI. Ha partecipato il 72% degli elettori.

Continua la lettura di Un nuovo sonoro NO dal popolo danese all’Unione Europea

Share

Intervento di Dimitris Mitropoulos all’Assemblea Nazionale di Eurostop/Piattaforma Sociale del 21/11/2015 (Inglese-Italiano)

Intervention of Dimitris Mitropoulos, Popular Unity (LAE)of Greece, in Rome, 21/11/2015

Dear friends and comrades,

Many thanks and greetings on behalf of the Political Council of the Popular Unity. I would like to present to you the situation in Greece and some things regarding our new political front.For five years now, Greece has been the experimental subject of the system’s structural crisis.

The three memorandums that applied for five years have led to the biggest recession that a country of the developed world has ever been to during peace.

  • The country’s GDP has dropped for 25%.
  • Unemployment has risen from 9% to 26%.
  • The debt has risen from 126% in 2009 to 180%.

Continua la lettura di Intervento di Dimitris Mitropoulos all’Assemblea Nazionale di Eurostop/Piattaforma Sociale del 21/11/2015 (Inglese-Italiano)

Share